Ecco come realizzarci dei Guanti con annesso Capellino di Lana

Sinceramente nelle giornate invernali essendo che amo stare molto in casa….mi dedico a uno dei miei hobby preferito ossia la maglia ai ferri…..sapete quante cose ho realizzato fino ad ora!?!?!? ho fatto le coperte per i miei adorabili cani….maglioni per me…ma mai e poi mai avrei pensato di riuscire a farmi da sola un cappello e i guanti eppure dopo tante peripezzie e prove ci sono riuscita che mi so stupita io stessa…infatti ho pensato quest’anno per Natale li regalero’ alle mie sorelle..che ne pensate vi piace come idea?!?!?
Adesso inziamo a vedere se in casa abbiamo tutto cio’ che ci serve per iniziare ….
200 grammi di filato Sorlano di Lana Gatto del colore che preferite,

dei ferri numero 5,5

ed infine un ago da lana

e del cartoncino {da cui ricaveremo dei dischi per fare i pon-pon}.

Li abbiamo tutti ?!?!? o ci manca qualcosina….dai una volta verificato il tutto iniziamo con la conta dei giri di maglia che dovremmo fare per dare vita e corpo al nostro lavoretto… e057 
Per la realizazzione dei guanti dovremmo lavorare in questo modo ragazze   io personalmente adoro i guanti senza dite cosi mi senti piu’ libera nei movimenti e odio anche quei pon-pon sovrammessi perche’ il mio cane non fa altro che cercare di prendermeli per giocarci quindi io alla fine non li mettero’ 
Avviare 30 maglie a maglia tubolare; eseguire 2 ferri e proseguire a costa 1/1{un punto molto elastico adatto soprattutto ai bordi di rifinitura}A 2 cm di altezza iniziare a lavorare a maglia rasata {che è per eccellenza la maglia base per tutti i lavori di maglia che andremmo a fare} . Ogni 4 ferri aumentare 1 maglia per 2 volte fino ad arrivare a 34 maglie. Raggiunti i 13 cm di altezza totale, aumentare ai lati 1 maglia ogni 10 ferri per 3 volte. Totale 40 maglie.A 26 cm di altezza lavorare 6 ferri a costa 1/1, 4 ferri a maglia tubolare e chiudere le maglie con l’ago.Alla fine andremmo  a Cucire lungo il lato lungo in corrispondenza del bordo della parte più stretta. Saltando 4 cm per il pollice. Ricominciando a cucire sul bordo a coste.Ed ecco che i nostri guanto so appena terminati….che sudata ragazze…. ma alla fine mi piacciono e mi sento soddisfatta del lavoro svolto !!!e056 
Adesso passiamo al capello che apparentemente mi sembra piu’ difficile ma io caparbia per come sono ci riusciro’ del resto come dice mia mamma so testa dura…dove mi metto ci riesco sempre…magari ci perdo tempo ma alla fine vinco io!!! 
Ci servono:
– 150 g di lana merinos del colore desiderato, – Ferri numero 3 – Un ago per maglia.
Quindi vediamo che punti verranno impiegati per lavorare il cappello:
Maglia tubolare {ovvero 1° ferro: 1 diritto; sarà importante passare un punto a rovescio senza effettuare lavorazioni, mantenendo sempre il filo sulla parte anteriore del lavoro, da ripetere per tutto il nostro ferro} ed il punto doppia costa {cioè si andranno ad alternare 2 punti a diritto con ben 2 punti a rovescio}
Per fare mente locale dei punti cominciate a lavorare un pezzo di lana, anche per vedere come verrà il lavoro. Siete pronti? allora nella prima parte avviamo il lavoro con 156 punti e nel nostro lavoro puntiamo sulla lavorazione di 4 ferri a punto tubolare; una volta conclusi questi; si procede coste doppie.
Nella seconda fase : si misurano 20 cm di altezza e s’inizia a diminuire di 1 punto ogni 8, a rovescio. Quindi, per ottenere una diminuzione a rovescio, lavorare due punti insieme a rovescio.
Nella terza fase: si diminuiscono ogni due ferri di 1 punto ogni 8 a rovescio, per totale volte 3. Eseguire nuovamente le diminuzioni sui punti diritti delle coste, sempre 1 punto ogni 8 {la diminuzione a diritto si esegue un punto a diritto senza effettuare una lavorazione e lavorando a diritto il punto seguente; quindi si farà cadere il punto passato, direttamente su quello appena lavorato}. Nella  quarta fase si replica la diminuzione sulle maglie a diritto per totale volte tre, avendo così la lavorazione a coste 1/1; da qui andremo avanti, fino al raggiungimento di 26 cm.
Nella quinta fase: si chiude, ovvero si taglia il filo, cercando di raggiungere una lunghezza che può variare dai 20 ai 26 cm; infileremo il filato nell’ago , ed una volta raccolti i punti, questi vanno arricciati. Si fissa il tutto al rovescio. Nella sesta fase si cuce il berretto a rovescio {circa 6 cm dal bordo stesso} e si conclude la cucitura che riguarda il diritto di quest’ultimo, in modo che se ne ripieghi una falda e la cucitura resti all’interno.  Dopo questa lunghissima fase il mio cappello è stato fatto adesso non mi tocca se scegliere di mettere i pon pon oppure no…ma come vi ho detto all’inizio io non li metto ma cio’ non toglie che vi diro’ come applicarli qualora voi li vogliate ok ragazze ?!!? 
Tagliare dal cartoncino due dischi uguali di cm 12 per il pon-pon grande e di cm 7 per il pon-pon piccolo. Sovrapporli ed eseguire al centro un foro di cm 1. Con la lana coprire la superficie entrando nel foro centrale . Lungo la circonferenza tagliare i fili entrando con le forbici nei due dischi sovrapposti Staccare i dischi e fissare i fili al centro avvolgendo più volte un filo di lana rossa attorno e annodandolo. Togliere i dischi
Che ve ne sembra ?!!?? sempre molto difficile come operazione eppure devo dirvi che se io ci so riuscita …ci riuscirete anche voi…. baci belle e buon lavoro e418
Share Button

Commenti

comments

Leave a reply

error: Content is protected !!